Lead Magnet, Bump Offer, Tripwire e offerte One-Time

Pubblicato: Novembre 1, 2020
Autore: Francesco Giammanco
Lead Magnet e Bump Offer

Per essere efficace una strategia di Funnel Marketing deve attrarre velocemente i clienti all'acquisto, e a tal proposito si implementano le tecniche di Lead Magnet, Bump Offer, Tripwire e offerte One-Time.

L'utilizzo delle singole tecniche dipende dal settore in cui si decide di applicare il funnel, e di conseguenza dalla tipologia di conversioni e dalle caratteristiche dell'acquirente tipo.

Lead Magnet

Si tratta di un componente principale nella costruzione di una strategia di conversione o lead generation.

Il lead magnet è un contenuto gratuito che attira il cliente a lasciare i propri dati per essere ricontattato.

Le caratteristiche del lead magnet sono:

esempio di lead magnet

Bump Offer

Si tratta di una strategia solitamente applicata agli e-commerce, che fornisce un'offerta non menzionata durante il percorso di navigazione del prodotto e che richiede un semplice gesto (solitamente una spunta da selezionare) per essere aggiunta all'ordine.

Si tratta quindi di un processo generato prima dell'acquisto, da non confondere con l'upselling, che solitamente viene presentata durante la visualizzazione del carrello dell'e-commerce.

Alcuni degli esempi di bump offer più utilizzate riguardano:

Tripwire

Il tripwire o tripwire funnel è una strategia utilizzata spesso come passaggio successivo dopo la presentazione di un lead magnet.

Un'offerta tripwire viene preparata generando un prodotto, un abbonamento o un servizio ad hoc che porta ad un vantaggio o risparmio velocemente calcolabile.

Per far si che un tripwire sia funzionale bisogna rispettare i seguenti requisiti:

Offerta One-Time

La One-Time Offer o OTO, è un'offerta che viene mostrata per un periodo di tempo determinato, e contiene una comunicazione che punta ad aumentare temporaneamente la visibilità della promozione.

A volte la strategia può concentrarsi sul mostrare (e comunicare) l'offerta una sola volta, a volte sulla visibilità di un countdown più o meno preciso (nel senso che non sempre il tempo scandito segue una linearità temporale).

In ogni caso il processo mentale che si vuole innescare è quello dell'urgenza, dell'ansia di poter perdere un vantaggio mai più acquisibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram