Sempre più aziende affiancano alle formule di vendita standard la possibilità di rendere i propri prodotti visibili online, tramite un e-commerce. La conseguenza di tale spostamento di interessi, connaturato alle tendenze del mercato, hanno reso necessario che quello degli ecommerce fosse un settore altamente professionalizzabile. Quando si pensa al settore delle vendite online si pensa sicuramente alla pubblicità, ma sotteso agli ingranaggi di vendita e visibilità c’è l’indicizzazione sui motori di ricerca, il SEO.

CTR e posizionamento SEO

Per semplificare la nostra analisi distingueremo le azioni da compiere su un e-commerce come “attrattori di CTR” ed altre legate al posizionamento SEO. La divisione è più formale che pratica visto che entrambe giovano al posizionamento del sito sebbene le prime lo facciano indirettamente. Tra le azioni “attrattori di CTR” c’è la building di rich snippet, per aumentare appunto il Clic-Through-Rate (CTR). Un’altra azione è la creazione di annunci pubblicitari nelle SERP; di per sé non migliorano il posizionamento del sito, ma ne migliorano l’appeal e attraggono visite, elemento che migliora il posizionamento. Esistono servizi a pagamento che permettono di trasformare in dati strutturati le recensioni rilasciate dalla clientela, in modo da aumentare la credibilità dell’e-commerce. Un metodo di pubblicizzazione che permette di applicare regole di posizionamento alle mail è l’utilizzo dell’email marketing, come nel caso di Mailchimp. All’interno della piattaforma c’è la possibilità di realizzare delle landing page personalizzabili che forniscono un’alternativa meno dispendiosa, in termini di posizionamento, a pagine del sito realizzate con lo stesso scopo. SEO per e-commerce Tra le azioni SEO applicabili ad un e-commerce c’è primariamente la costruzione di una nicchia semantica tramite il posizionamento di parole chiave relative ai prodotti o servizi di punta. Anche la creazione di URL che contengano i nomi dei prodotti o servizi da pubblicizzare servono allo scopo. Altro elemento di sicura importanza è la velocità del sito, sopratutto riguardo la versione mobile, come è facile comprendere notando il dispiegamento di metriche messe a disposizioni da Google per ottimizzare i siti. Da non dimenticare un costante indexing tramite Google Search Console, per osservare la direzione presa dal motore di ricerca nella visualizzazione del sito.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.