Slack, per comunicare online con il tuo team

Slack per comunicare con il team

Slack è una piattaforma online di messaggistica dedicata a migliorare la qualità delle informazioni condivise dal team. Il tool si occupa di integrare diversi canali di comunicazione, e ne implementa anche di esterni.

La piattaforma è presente come servizio in cloud per PC, Mac, mobile iOS e Android.

Come si usa Slack?

Il punto più difficile è comprendere che Slack NON ragiona per account ma per workspace, di conseguenza è possibile utilizzarlo in due modi:

  • creando un proprio workspace;
  • essere accettato in un workspace esistente.

Per essere precisi, una mail può essere aggiunta o creare un qualsiasi numero di workspace, ma non per questo i vari spazi saranno connessi tra loro. Gli unici elementi visibili e condivisi tra gli spazi sono la foto, la e-mail, e quelle informazioni che vengono chiamate profilo, ma che non sussistono fuori dalle workspace, come accade invece per un profilo Facebook.

Per essere accettato in un workspace basta conoscerne l’URL, mentre nel secondo caso bisogna creare una URL valida e fornire i dati per la creazione dell’account (nome, e-mail).

Creare un canale slack

Slack è diviso in canali (Channel) e chat private (Direct Messages) ed entrambe le sezioni sono espandibili.

Di fatto l’utilizzo della piattaforma comprende la possibilità di utilizzare i canali per mettere in comunicazione più persone, e le chat private per poter impartire istruzioni singolarmente.

Ogni canale comprende di base un canale random e uno general, che di norma vengono utilizzate per scherzare (il primo) e per fornire informazioni generali sul progetto (il secondo).

Channel e Direct Messages

I canali sono personalizzabili ed è possibile includere/escludere i membri del team prescelti, così da poter creare dei settori indipendenti e specializzati.

Ogni canale può integrare diverse app (lo vedremo più avanti), essere impostata su mute in modo da non ricevere aggiornamenti, rendere il canale privato o effettuare una call di gruppo (servizio a pagamento, fino a 15 persone).

I Direct Messages hanno le stesse funzioni dei canali ma possono utilizzare da subito le chiamate online. Di fatto l’unica differenza tra i due strumenti è la capacità da parte dei canali di poter gestire più persone contemporaneamente.

Emoji e altro

Slack comprende tutte le integrazioni “sociali” per rendere gradevole una discussione. Si tratta quindi di una chat “completa”, se la rapportiamo a quelle delle piattaforme social più utilizzate.

Preferenze del canale e account

Slack non è pensato per mettere in primo piano il profilo dell’utente ma nonostante tutto riesce comunque ad offrire una serie di personalizzazioni utili a rendere più facile navigare all’interno della piattaforma.

Apps

Molti dei programmi più famosi hanno deciso di integrare i propri servizi su Slack. Di fatto esiste un numero (limitato per gli account gratuiti e illimitato per gli altri) di applicazioni che si possono aggiungere singolarmente alle singole chat o direttamente ai canali.

Tra i programmi più utili c’è sicuramente Google Drive, Calendar, Trello, GitHub, Zendesk, Asana, Outlook, Gmail e moltissimi altri.

Perché l’integrazione abbia successo bisogna accettare la richiesta di connessione tra i software, e poi operare in entrambi seguendo le disposizioni fornite.

Per quanto riguarda Trello, la chat di Slackbot fornisce informazioni sull’integrazione e sui comandi aggiunti.

Analytics di Slack

Tiene conto degli utenti all’interno di ogni canale, del numero di visite ricevute dalla board, tutte le informazioni sugli account connessi.

Customize

Si tratta di una serie di pannelli, 5 per la precisione, che modificano le impostazioni sulla presenza delle emoji, sugli status, e sull’icona del progetto.

Hotkeys di Slack

Si tratta delle scorciatoie da tastiera da inserire in chat e canali per operare più velocemente. La lista non è completa e penso non potrà mai essere tale perché ogni tool che viene integrato sviluppa nuovi shortcuts propri.

Plans

I plans servono prevalentemente ad aumentare il numero di app utilizzabili all’interno di un workspace, all’utilizzo delle chiamate multiutente, all’autenticazione per i servizi Google, e tutti quei servizi che servono per permettere l’accesso a guest (ospiti) di altre aziende o freelancers che collaboreranno con uno o più canali del progetto.

I pagamenti sono mensili e relativi al singolo utente. Le soluzioni più semplici partono dai 6,25€ mese/utente per un’iscrizione annuale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.